Covid, otto nuovi casi e un decesso. Il sindaco Pirozzi: “Chiesti maggiori controlli alle forze dell’ordine”

Homeattualità

Covid, otto nuovi casi e un decesso. Il sindaco Pirozzi: “Chiesti maggiori controlli alle forze dell’ordine”

Riunione del tavolo tecnico con Comune, forze dell’ordine, Asl e Governo

Sono otto i casi accertati di contagi ed un decesso per Covid. È il dato aggiornato ada parte dell'Asl nel weekend compresi i due cadi di qualche ora

Giugliano, guardia giurata ferita fuori alle Poste VIDEO
Covid, a Giugliano 27 contagiati in una settimana
Conte contro De Luca, Dpcm o Ordinanza Regionale: chi la spunterà? Il Governo prevale sulle Regioni, domani le scuole potrebbero riaprire

Sono otto i casi accertati di contagi ed un decesso per Covid. È il dato aggiornato ada parte dell’Asl nel weekend compresi i due cadi di qualche ora fa al Quinto Circolo Didattico che riguardano due insegnanti. È deceduta, invece, una persona che era ricoverata da quasi un mese. “Come annunciato, questa mattina al Municipio si è svolta la riunione del tavolo tecnico con Comune, forze dell’ordine, Asl e Governo – afferma dal profilo facebook il neosindaco di Giugliano Nicola Pirozzi -. Un’iniziativa necessaria verificato l’aumento dei contagi per Covid-19 e l’innalzamento della curva epidemiologica. Ho avuto un confronto molto produttivo con la dottoressa Granata, referente della sede centrale dell’unità operativa di prevenzione ed epidemiologia Asl Napoli 2; la dottoressa Piccolo, referente per le scuole; la comandante della polizia municipale, Maria Rosaria Petrillo, e la senatrice del Movimento 5 stelle, Mariolina Castellone, membro della Commissione Sanità. Tra oggi e domani è atteso il nuovo Dpcm del Governo che ci fornirà le nuove disposizioni”.

“Già oggi mi sono preoccupato di affrontare l’argomento legato ai controlli – spiega il sindaco -. Mi preoccupano, in particolare, le dinamiche con cui i giovanissimi si raggruppano, in special modo nei luoghi pubblici, non sempre rispettando il distanziamento e l’obbligo di indossare la mascherina. Così come mi preoccupano le presenze incontrollate che si verificano in molti esercizi commerciali. Ecco perché ho chiesto alle forze dell’ordine di esercitare un capillare controllo del territorio per sensibilizzare la cittadinanza ad assumere comportamenti responsabili e rispettosi delle regole”.
“Attualmente, a Giugliano, abbiamo sei caselli mobili allestiti per effettuare tamponi ed un percorso scuole delineato dal lavoro di una apposita “task force” – fa sapere il primo cittadino -. In questi mesi le U.S.C.A. sono state potenziate e continuano ad esercitare il loro prezioso lavoro. I numeri aggiornati a ieri, domenica 11 ottobre, contano 200 casi ancora attivi, di cui 13 ricoverati. Il dato che abbiamo rilevato è l’abbassamento dell’età anagrafica relativa ai numeri dei positivi (il decesso e i due nuovi casi sono di questa mattina, ndr). Le scuole – sottolinea il sindaco Pirozzi – hanno fatto un lavoro encomiabile, istituendo percorsi di accesso differenziato che stanno funzionando bene, così come sta funzionando bene il sistema di tracciamento; ma sono preoccupanti gli assembramenti che si verificano all’esterno dei plessi scolastici, specialmente al momento dell’ingresso negli istituti, durante la rilevazione della temperatura”. Il sindaco poi lancia l’appello ai cittadini: “Adesso tocca a voi cittadini, tocca a noi, fare comunità e vincere questa difficile sfida contro un nemico invisibile. Ricordate che il distanziamento e l’uso delle mascherine restano gli strumenti più efficaci di prevenzione. Rispettiamo le regole a tutela della nostra salute e di quella collettiva. Cari cittadini, creiamo un fronte compatto con le istituzioni al fine di fronteggiare, ognuno facendo la propria parte, l’estensione dei contagi. Mi appello anche al senso di responsabilità di imprenditori e commercianti, che amano la città e sicuramente mi saranno da supporto in questo momento delicato. Evitate l’organizzazione di feste e in generale di eventi che generano assembramenti incontrollati. Se tutti rispettiamo le regole riusciremo a limitare i contagi ed a fronteggiare la seconda ondata della pandemia. Insieme ce la faremo” conclude.