‘Viaggio nella storia’, ecco la Torre di Patria tra mito e leggenda. Video

Homeattualità

‘Viaggio nella storia’, ecco la Torre di Patria tra mito e leggenda. Video

È la torre, meglio conservata, della costa flegreo-domitia. Fu costruita nel XV secolo dagli aragonesi. La leggenda, vuole che la torre di Patria (tra

Canottaggio, la nazionale della Romania ospite al Comune di Giugliano. Video
Centro storico senza illuminazione pubblica, il sindaco: “Manomesso l’intero servizio”
Dipendente positivo al Covid, chiuso l’ufficio Tributi del Comune di Giugliano

È la torre, meglio conservata, della costa flegreo-domitia. Fu costruita nel XV secolo dagli aragonesi. La leggenda, vuole che la torre di Patria (tra Castelvolturno e Giugliano), fu edificata, coi materiali, della villa di Scipione l’Africano e sulla sua tomba. Sotto la torre, fu rinvenuto, il busto del generale in età senile, che mostrava, una, delle numerose ferite alla testa, riportate sul Ticino. La costruzione è a forma di piramide tronca, con la base quadrata. L’interno, è su tre livelli, ricoperti, con volte a botte. Il piano terra, era adibito a magazzino, mentre il primo, ad alloggio, al cui interno vi è un grande camino. Il terzo piano, invece, era utilizzato come batteria, e le armi, erano conservate in alto, vicino alle caditoie, che impedivano così, l’assedio, ravvicinato. La Torre di Patria, era ben organizzata: al piano terra, è presente una cisterna, che raccoglie le acque piovane, provenienti dal tetto, attraverso, un canale cunicolo. La torre, aveva la funzione difensiva e di avvistamento. Comunicava con le altre torri della costa, attraverso segnali luminosi, effettuati con delle fiaccole, che insieme al fumo, indicavano il pericolo. Il servizio è a cura della redazione di Napolinordwebtv, si ringraziano i gruppi Facebook: Archivio Area Giuglianese e Liternum Comprensorio Archeologico Giugliano in Campania.