Covid, boom di contagi in un giorno a Giugliano: 76 e sei decessi

Homeattualità

Covid, boom di contagi in un giorno a Giugliano: 76 e sei decessi

I dati diramati dal sindaco Nicola Pirozzi, una persona in terapia intensiva e 143 i guariti

Covid, boom di contagi in un giorno a Giugliano: 76 e sei decessi. Sono i dati diramati dal sindaco di Giugliano Nicola Pirozzi, che in un lungo post

Coronavirus, tre casi registrati Giugliano: i contagi salgono a 65, sette le persone guarite
Coronavirus, oggi nessun contagio e tre persone guarite
Coronavirus, un nuovo caso a Giugliano: gli infetti salgono a 57

Covid, boom di contagi in un giorno a Giugliano: 76 e sei decessi. Sono i dati diramati dal sindaco di Giugliano Nicola Pirozzi, che in un lungo post su Facebook afferma “Cari cittadini, ecco i nuovi aggiornamenti sui numeri della diffusione del Covid-19. Dall’inizio della pandemia i positivi a Giugliano hanno raggiunto quota 464. I positivi attuali sono 308, i guariti 143. Contiamo 13 deceduti e 17 ospedalizzati di cui 16 in reparto ed 1 in terapia intensiva. Numeri che danno la chiara rappresentazione della vastità del fenomeno e del pericolo quotidiano che siamo chiamati tutti ad affrontare con senso di responsabilità e maturità. Le forze dell’ordine continuano, per quanto possibile, nei controlli ma cerchiamo di essere responsabili rispettando le regole, a cominciare dall’uso della mascherina, dal disinfettare spesso le mani durante la giornata, ad evitare assembramenti e fare attenzione al distanziamento interpersonale”. “Spero – afferma il sindaco – che in una fase così complicata di per sé, in piena gestione di una pandemia, la politica riesca a mettere da parte il livore, i rancori e capisca che la campagna elettorale è finita. Restano, però, la nostra città, il bene comune, la nostra comunità che devono avere un posto superiore al colore delle bandiere e agli interessi di bottega. Lo dico senza polemica sperando che almeno per una volta le chiacchiere lascino il posto ai fatti.
Lavoro affinché nel più breve tempo possibile si arrivi alla formazione di una giunta di qualità e rappresentativa in modo da iniziare subito col piede sull’acceleratore una nuova stagione di cambiamento, di efficienza e di ripristino del primato dell’interesse collettivo”.