Emergenza covid, il presidente De Luca: “Zone rosse a Napoli e in provincia”. “Il governo? Meglio scioglierlo”

Homeattualità

Emergenza covid, il presidente De Luca: “Zone rosse a Napoli e in provincia”. “Il governo? Meglio scioglierlo”

Il presidente della Regione: "Noi andremo avanti senza guardare nessuno"

"Nelle prossime ore zone rosse a Napoli e in provincia, a breve l'ordinanza della Regione. Il Governo? Se farà il nuovo Dpcm come zona rossa bene, ma

Giugliano, senza soldi e soli: a rischio chiusura l’associazione del Volto Santo di piazza Annunziata. Video
Covid: a Giugliano chiuse spiagge, piazze e mercato settimanale. Minori in strada dopo le ore 18 solo se accompagnati
Qualiano, via Sambuco chiusa al traffico in attesa della messa in sicurezza: l’opposizione critica. Video

“Nelle prossime ore zone rosse a Napoli e in provincia, a breve l’ordinanza della Regione. Il Governo? Se farà il nuovo Dpcm come zona rossa bene, ma noi andiamo avanti per la nostra strada”.
Lo afferma il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta del venerdì su Facebook. “Oggi altri 3900 positivi al virus”. Poi il presidente parla della settimana che ha visto la Campania al centro della politica nazionale, di inchiesta e scandali, o pseudo tali. “La battaglia della Campania è stata al centro della politica per una settimana, idiozia opportunistica da parte del Governo”. “Sindaci coraggiosi e responsabili che hanno bloccato la mobilità e il contagio, altri (riferendosi al sindaco di Napoli De Magistris, ndr) hanno girato per le tv nazionali)”. “I colori, giallo, rosso, arancione: non mi interessa, è solo un’idiozia”. “I dati della Campania non sono veri? Sono pazzi, è solo un’idiozia messa in atto dal Governo per nascondersi dietro i loro errori, oggi possiamo diventare rossi, ma non so se serve”. “Gli ispettori negli ospedali sono venuti per visitare gli ospedali del Mare, il Cotugno e il Cardarelli, non sono venuti per controllare i dati”. “L’ospedale da Campo? Altra idiozia: servono medici e personale, no ospedali da campo”. Poi sulla morte dell’84enne al Cardarelli spiega: “Apprendiamo che un 30enne che era al Cardarelli con la sua auto e non doveva essere ricoverato, dopo il decesso dell’anziano scopriamo che ha avuto lo stomaco animalesco con una persona deceduta a terra si è messo a girare un video. Questa persona girava un video, ha trovato il tempo per metterlo sui social: ecco un nuovo atto di sciacallaggio. Napoli e la Campania non possono essere il peggio del peggio”. Poi la critica al ministro Di Maio: “Ho parlato coi vertici del Pd nazionale, meglio sciogliere il governo che stare insieme a personaggi come Di Maio e altri, meglio andare a casa”.