Magic World, arriva la cordata di imprenditori per la riapertura del parco acquatico. Video

Homeattualità

Magic World, arriva la cordata di imprenditori per la riapertura del parco acquatico. Video

Rinasce il "Magic World" di Licola, a Giugliano, il pIù grande parco divertimenti del centro Sud. A tre anni dal fallimento (e ad oltre un anno dalla

ECOBALLE, SINDACI E REGIONE A TAVERNA DEL RE: SOPRALLUOGO PRIMA DELLA BONIFICA. GUARDA IL VIDEO
Giugliano, città blindata: in strada polizia, carabinieri, esercito e municipale
I contagi in città non si fermano, altri tre casi: i positivi salgono a 47

Rinasce il “Magic World” di Licola, a Giugliano, il pIù grande parco divertimenti del centro Sud. A tre anni dal fallimento (e ad oltre un anno dalla chiusura dei cancelli) sta per riaprire grazie ad una cordata di imprenditori, il cui capofila è Vincenzo Schiavo, console onorario della Federazione Russa a Napoli e in Campania. Lo scorso 16 agosto il Tribunale Fallimentare di Napoli, ha assegnato tramite vendita all’incanto, il bene alla società Partenope Investment srl, il cui amministratore unico è proprio Vincenzo Schiavo che è anche presidente della Confersercenti di Napoli e della Campania, ha avuto il merito di coinvolgere nell’operazione fondi russi, inglesi e altre società italiane. L a curatela fallimentare ha assegnato il bene immobiliare ad un comparto imprenditoriale che dovrà rilanciare un’area importante della Campania. A “blindare” l’intero progetto relativo all’operato delle aziende e degli operatori coinvolti, sarà l’istituzione di un ‘comitato etico’, che si avvarrà di una struttura tecnica composta da magistrati ed ex pm. Tra questi anche l’ex capo della Dia di Napoli ed attuale assessore alla legalità del comune di Giugliano, Adolfo Grauso. Il progetto è importante e ambizioso: l’idea di fondo è quella di creare, in 5 anni, un parco di circa 300mila metri quadri, in cui vi siano diverse attrazioni e che possa essere aperto non soltanto per il periodo estivo (solo con il parco acquatico) ma tutto l’anno. Il piano di sviluppo prevede, infatti: il miglioramento del parco di intrattenimento tematico, lo sviluppo dell’area ristoro e l’implementazione del parco acquatico e della zona in cui si ospita il circo. Nel progetto anche la nascita di un’area termale aperta tutto l’anno, la costruzione di un albergo e la creazione di un’arena per i concerti. Gli investimenti previsti, inizialmente, saranno di oltre 10 milioni di euro nei primi 5anni.