La zia è morta e tenta di appropriarsi della casa comunale, scoperto dalla Municipale

Homehome

La zia è morta e tenta di appropriarsi della casa comunale, scoperto dalla Municipale

Tenta di appropriarsi dell'abitazione della zia defunta e falsifica i documenti, scoperto dalla polizia municipale. Si è conclusa una attività di inda

TABACCAIO RITROVATO, PARLA GEPPINO: GRAZIE A TUTTI PER LA VICINANZA. GUARDA IL VIDEO
Al maresciallo Alfonso Vecchione della Compagnia dei carabinieri di Giugliano il titolo di Cavaliere
Coronavirus a Giugliano, un nuovo positivo in città

Tenta di appropriarsi dell’abitazione della zia defunta e falsifica i documenti, scoperto dalla polizia municipale. Si è conclusa una attività di indagine della sezione di polizia giudiziaria della Municipale di Giugliano, diretta dalla comandante Petrillo, che ha portato alla denuncia di D.A. per falso materiale ed ideologico. L’uomo, infatti, allo scopo di ottenere l’assegnazione di case popolari di proprietà del comune di Napoli ha falsamente attestato la convivenza con una zia gia’ deceduta. “La defunta” avrebbe anche attestato la presenza del nipote nella propria abitazione fornendo allo stesso copia del documento di identità. Anche grazie alla collaborazione dell’ufficio Anagrafe il tenente della polizia municipale Salvatore Borgese con il gruppo di polizia giudiziaria da esso diretto ha raccolto una serie di elementi utili che hanno confermato i sospetti. Non si escludono casi simili.