Scoperta piantagione di droga a Giugliano, la guardia di finanza arresta due persone

Homeattualità

Scoperta piantagione di droga a Giugliano, la guardia di finanza arresta due persone

Sequestrate circa 900mila dosi e 3159 piante di marijuana. Il blitz tra Quarto e Giugliano

Operazione della Guardia di Finanza di Pozzuoli che ha tratto in arresto due persone per droga. Il tutto nell'ambito di un'indagine coordinata dalla P

Marijuana, la Guardia di Finanza scopre tre piantagioni: 100 alberi tra Giugliano, Qualiano e Casalnuovo. Video
Furti in appartamento, i carabinieri catturano la banda che terrorizzava la Campania. Video
BLITZ NEI FORTINI DELLA CAMORRA A MELITO, I CARABINIERI SCOPRONO DELLE MUNIZIONI. GUARDA IL VIDEO

Operazione della Guardia di Finanza di Pozzuoli che ha tratto in arresto due persone per droga. Il tutto nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli nord, dove finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessi dal gip Presso il tribunale di Napoli nord, nei confronti di due persone: un quarantunenne albanese e un 54enne residente a Giugliano, per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti con l’aggravante dell’ingente quantitativo. I militari della Compagnia di Pozzuoli hanno scoperto, tra i comuni di Giugliano e Quarto, una piantagione di canapa indiana occultata da una fitta vegetazione di alberi da frutto è boscaglia, costituita da 20 serre con la presenza di ventilatori alimentati da generatori elettrici e pannelli solari e di taniche di fertilizzante. Tutta l’area era sorvegliata da cani di grossa taglia. Le attività investigative hanno consentito, inoltre, di rinvenire all’interno di un container adibito all’essiccazione di piante di cannabis, ulteriori 17 chilogrammi di marijuana già raccolta è pronta per essere immessa sul mercato illegale, il tutto sottoposta a sequestro. Le operazioni si sono concluse con il sequestro di 3159 piante di cannabis dalle quali erano ricavabili circa 900 mila dosi singole.