Coronavirus, terzo caso a Qualiano: l’uomo non aveva sintomi ma è risultato positivo al tampone

Homeattualità

Coronavirus, terzo caso a Qualiano: l’uomo non aveva sintomi ma è risultato positivo al tampone

Era asintomatico, ma positivo al tampone e quindi al coronavirus. Si tratta del terzo caso ufficializzato dal Comune di Qualiano e dal sindaco Raffael

Coronavirus: febbre e problemi respiratori, anziano muore al pronto soccorso dell’ospedale di Giugliano. Tampone inviato all’ospedale Cotugno
Ragazza precipitata dal balcone a Nizza, i genitori della 20enne raggiungono la figlia
Crisi da coronavirus, i commercialisti di Napoli Nord contro le misure del Governo: “Nessun ruolo della categoria nella gestione della crisi”

Era asintomatico, ma positivo al tampone e quindi al coronavirus. Si tratta del terzo caso ufficializzato dal Comune di Qualiano e dal sindaco Raffaele De Leonardis. L’uomo, che fa parte delle forze armate, non aveva sintomi e solo per caso che ha scoperto di essere affetto dal virus. E’ stato sottoposto al tampone dopo che un commilitone era risultato essere positivo. L’uomo, dopo che è risultato essere affetto dal virus, è stato messo in quarantena presso la sua abitazione a Qualiano. I familiai per fortuna non hanno contratto il virus. Al momento si stanno ricostruendo tutti i movimenti e chi avrebbe potuto incontrare l’uomo per effettuare anche ad altre persone i tamponi. Appena due giorni fa il sindaco di Qualiano Raffaele De Leonardis aveva ufficializzato, dopo la chiamata dell’ASL, del primo caso positivo al Covid-19 a Qualiano. Anche in quel caso l’uomo era ed è tuttora a casa in quarantena domiciliare da 10 giorni, cioè da quando ha accusato i primi sintomi. Intanto l’ASL Napoli 2 Nord ha già attivato tutte le procedure per ricostruire la rete dei contatti avuti dalla persona. Il primo cittadino di Qualiano assicura: “Vi aggiornerò costantemente sull’evoluzione clinica. Con trasparenza e chiarezza. Senza mai nascondervi nulla. In questo momento è fondamentale non farsi prendere da panico e ansie ingiustificate. Anche se voglio che sia chiaro ad ognuno di voi che viviamo una problematica seria, grave. Parliamo di una pandemia. Per questo ripeterò fino allo sfinimento che dovete restare assolutamente a casa. Ed uscire solo in caso di urgenza. Dal canto nostro, siamo al lavoro incessantemente e monitoriamo la situazione 24 ore su 24”.