TAGLI E PRIVATIZZAZIONE, I DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE IN PIAZZA PER PROTESTA: A RISCHIO MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO. GUARDA IL VIDEO

Sit in di protesta n piazza Plebiscito da parte dei lavoratori di Poste Italiane, aderenti a tutte le sigle sindacali. La manifestazione per chiedere un incontro col Prefetto. L’obiettivo è quello di chiedere alla massima autorità del Governo sul territorio di farsi portavoce del disagio che sta vivendo il mondo postale rispetto alla scelte che mettono a rischio la sopravvivenza del servizio postale. Il piano dell’azienda prevede la riduzione di tutti i servizi non redditivi. Scelta che penalizzerà le fasce meno abbienti ed i centri periferici. Meno servizi ma anche meno posti di lavoro: con la chiusura degli uffici postali improduttivi, apertura a giorni ridotti per gli uffici postali nei piccoli comuni, e in più recapito della corrispondenza a giorni alterni, che sarà esteso anche alle grandi città. Anche la Campania è interessata dai tagli, prima degli uffici postali, e, da qualche mese anche nel recapito. Le proteste dei sindaci delle altre province, dove il piano è già partito, ne sono la riprova.